Seguendo la Croce - "ZA KRIŽEM" a ERBA (CO)

13 marzo alle ore 10
Chiesa dell'Ospedale Sacra Famiglia dei Fatebenefratelli a Erba(Co), Via Fatebenefratelli, 20

Il giorno 13 marzo alle ore 10 nella chiesa dell'Ospedale Sacra Famiglia dei Fatebenefratelli a Erba (Co), Via Fatebenefratelli, 20, Fra Ivica Karlo Lapić, OH celebrerà la Santa Mesa in lingua italiana che sarà animata dal gruppo vocale "Klapa Kaštilac" (kantaduri) provenienti da Vrboska - Isola di Hvar (Croazia). Il repertorio che sarà eseguito appartiene ad una antica tradizione del ciclo quaresimale che si canta alla sera del Giovedì Santo durante la Settimana Santa con il titolo "Seguendo la croce".

........................................

SEGUENDO LA CROCE
Milano - Erba - Padova
Sabato, 12 marzo, alle ore 15 nella chiesa di Santa Maria degli Angeli dei frati Minori Cappucini (accanto al Rosetum francescano, Piazzale Velazquez 2) si terrà la messa con la partecipazione dei Cantori di Verbosca, ossia Klapa Kaštilac (isola di Hvar- Lesina). La messa sarà celebrata da fra Ivica Karlo Lapić OH.
Dopo la messa nel salone adiacente si potrà sostare per un breve saluto.

Il 13 marzo alle ore 10 fra Ivica Karlo Lapić OH celebrerà messa nella chiesa dell ospedale del Fatebenefratelli Sacra Famiglia, Via Fatebenefratelli 20 a Erba.

Nella serata del 13 marzo i Cantaduri parteciperanno alla messa in chiesa S. Leopoldo Mandić a Padova.

Questa messa ci darà l’occasione di conoscere la secolare tradizione lesinese del modo di cantare il Pianto della Madonna (Gospin plač) perché avremo l’occasione di ascoltare i Cantori di Verbosca, (Varbovački kantaduri), ossia Klapa Kaštilac iz Vrboske (otok Hvar - Lesina). I membri di Klapa Kaštilac (tre di loro sono stati anche cruciferi) fanno parte della tradizionale processione dell’isola di Lesina Za križen (Seguendo la croce) che dal 2009 fa parte della lista dei beni immateriali di UNESCO.

Infatti, ringraziando ai cantori e la continuità della loro attività l’autenticità dei molti canti religiosi e laici è stata salvata dal oblio. I cantori rappresentano la struttura portante della processione lesinese Seguendo la croce (Za križen) che si tiene ormai da cinque secoli e che non si è mai interrotta neppure durante le condizioni difficili sia politiche che belliche (la processione si era tenuta perfino dagli rifugiati a El Shatt durante la seconda guerra mondiale). Questa processione non rappresenta solo una particolare forma di devozione religiosa, ma anche la forma di rinvigorimento dell’identità culturale e religiosa degli abitanti della parte centrale dell’isola di Lesina. Le sue origini sono legate al crocifisso custodito dal 1510 nella cattedrale di Lesina città. Secondo gli archivi di Lesina il crocefisso è stato custodito nel 1510 nella casa di Nikola Bevilaqua, proprio nel periodo di grande tumulto locale tra la nobiltà e il popolo. Il 6 febbraio del 1510 la croce ha trasudato sangue e da allora a Lesina inizia il culto intensivo della croce e di questa forma della processione Seguendo la croce (però la prima annotazione scritta sulla processione porta la data del 16 febbraio 1658).
Seguendo la croce è particolare anche per la sua durata (percorre circa 25 chilometri in otto ore) come per la sua enfasi per il contenuto della Passione. L'organizzazione è affidata alle confraternite, ossia le comunità religiose dell’isola (rigorosamente vestite nei loro abiti bianchi durante la processione). La colonna portante della processione è il Pianto della Madonna (Gospin plač in croato), ossia il Lamento, il testo ottosillabo della Passione del XV secolo che, in forma di dialogo musicale viene cantato dai cantori (kantaduri).

La processione inizia ogni anno al giovedì santo alle dieci di sera e in quel momento partono le sei processioni dalle sei chiese parrocchiali della parte centrale dell’isola, cioè dai paesi di Verbagno (Vrbanj), Verbosca (Vrbovska), Gelsa (Jelsa), Pitti (Pitve), Frísnigo (Vrisnik) e Svértice (Svirče).
Ogni processione percorre questo itinerario circolare per tornare poi alle sette di mattina nel proprio punto dipartenza.
Le processioni non si devono mai incontrare tra di loro durante questo percorso, il che richiede un’attenta coordinazione dei percorsi di ciascuna processione. Ogni processione è guidata dal proprio crucifero che porta la croce avvolta in velo nero e che pesa circa diciotto chili. Il crucifero deve fare il percorso a piedi nudi e si deve preparare sia fisicamente che psichicamente; diventare crucifero ovviamente si considera un grande onore. Il crucifero è accompagnato dagli aiutanti: due amici che portano grandi candelabri, due cantori principali e un certo numero di cantori che rispondono ai cantori principali cantando il Lamento (Gospin plač).
La processione di Gelsa è la più numerosa, e i pellegrini superano spesso i mille partecipanti. Aggiungiamo che questa processione di Gelsa è specifica anche per l’uso che costringe il crucifero a percorrere gli ultimi cento metri correndo a piedi nudi.
Passando per ognuno di questi sei paesi che fanno parte della processione i partecipanti della stessa mostrano la devozione in ogni chiesa del loro percorso mentre il parroco benedice e incoraggia il crucifero. Il camino prosegue quando i cantori finiscono il Lamento.
E’ interessante aggiungere che ogni processione ha un suo modo di cantare.

--------------------------------

ZA KRIŽEM
Milano - Erba - Padova

U subotu 12 ožujka u 15 sati u crkvi Santa Maria degli Angeli dei frati Minori Cappucini (pokraj franjevačkog Rosetuma, Piazzale Velazquez 2) održat će se misa uz sudjelovanje Kantadura iz Vrbovske (otok Hvar), odnosno Klape Kaštilac. Misu na hrvatskom jeziku će slaviti fra Ivica Karlo Lapić OH.
U obližnjem salonu poslije mise omogućeno nam je zajedničko druženje.

13 ožujka u 10 h fra Ivica Karlo Lapić OH misu će slaviti u Erbi, u crkvi bolnice reda Milosrdne Braće Sacra Famiglia, Via Fatebenefratelli 20.

Uvečer 13 ožujka Kantaduri će sudjelovati na misi u Padovi u crkvi Sv. Leopolda Mandića.

Ova svečana misa će nam dati i priliku da se upoznamo sa stoljetnom hvarskom tradicijom pjevanja Gospina plača jer ćemo imati priliku čuti Varbovačke kantadure, odnosno klapu Kaštilac iz Vrboske (otok Hvar). Članovi klape (trojica su bili i križonoše) sudjeluju u hvarskoj tradicionalnoj procesiji Za križen koja se od 2009 nalazi na UNESCO-vom popisu nematerijalnih dobara.

Kantaduri su inače okosnica hvarske procesije Za križen koja se održava već pet stoljeća, a nije bila prekinuta niti u teškim političkim ili ratnim uvjetima (održana je čak i za vrijema izbjeglištva u drugom svjetskom ratu u El Shattu). Upravo zahvaljujući kantadurima i kontinuitetu njihovog djelovanja mnogi izvorni napjevi religioznog i svjetovnog karaktera oteti su zaboravu. Procesija Za križen ne predstavlja samo vanredni oblik pobožnosti već i stoljetni oblik jačanja religioznog i kulturnog identiteta ljudstva središnjeg dijela otoka Hvara. Nastanak procesije veže se uz raspelo Svetog križića, koje se od 1510. godine čuva u hvarskoj katedrali. Prema hvarskim arhivskim zapisima 1510 godine križić je bio na čuvanju u kući Nikole Bevilaque, upravo u vrijeme velikog nemira između pučana i plemića i prokrvario je 6 veljače 1510. Od tada na Hvaru počinje intenzivno štovanje križa i rađa se ovaj oblik procesije Za križen (inače prvi pismeni zapis o procesiji datira 16 veljače 1658 godine).

Procesija Za križen iznimna je i po svom trajanju (tijekom 8 sati prođe se oko 25 kilometara) i po naglašenom pasionskom sadržaju, a pripremaju je i provode bratovštine (odjevene u svoje svečane bijele odore), odnosno zajednice hvarskih vjernika. Okosnica procesije je Gospin plač, osmeračkipasionski tekst iz 15. stoljeća kojeg u formi glazbenog dijaloga pjevaju izabrani pjevači, kantaduri. pjevači,

Procesija svake godine započinje na veliki četvrtak točno u 22 sata i tada istovremeno kreću šest procesija iz šest župnih crkava središnjeg dijela otoka, u mjestima Vrbanj, Vrbovska, Jelsa, Pitve, Vrisnik i Svirče. Svaka procesija se vrti u tom velikom krugu da bi se u 7 sati ujutro vratila u svoje polazište. Procesije se ne smiju međusobno sresti i da bi se to postiglo treba pažljivo koordinirati kretanje svake procesije zasebno. Svaku procesiju predvodi križonoša koji nosi križ prekriven crnom tkaninomi težak oko 18 kilograma i mora hodati bos. Uloga križonoše znači iznimno veliku čast na otoku na koju se on priprema i fizički i psihički. Križonuša prate pomoćnici: dva pratitelja koji nose velike svijećnjake, dva glavna pjevača i više odgovarača koji pjevaju Gospin plač. Po brojnosti, najveća je jelšanska procesija, a hodočasnika zna biti više od tisuću. Jelšanska procesija posebna je i po običaju da križonoša zadnjih 100 metara puta pretrči bos.

Prolazeći kroz svako od 6 mjesta obuhvaćenih procesijom, sudionici procesije iskazuju pobožnosti u svakoj od crkava na putu, a župnik u svakoj crkvi blagosljiva i hrabri križonošu. Kad pjevači otpjevaju Gospin plač hod se nastavlja.
Zanimljivo je da ga svaka procesija pjeva na svoj način!

Fonte: 
comunità croata di milano