Maja Matijanec ancora una volta a Milano

Vi ricordate la manifestazione Piano City che si è tenuta questo aprile a Milano?
In quell’occasione (il 17 maggio 2014) abbiamo potuto ascoltare anche la giovane pianista croata Maja Matijanec in un prezioso House Concert dove ha suonato Bach, Busoni, Scarlatti e Schumann.

La Comunità Croata di Milano l’ha invitata a tenere un concerto presso gli Amici del Loggione del Teatro alla Scala, l’associazione con la quale la Comunità collabora da lungo tempo. Nell’occasione ringraziamo nuovamente gli Amici del Loggione per la loro gentile ospitalità.
Il concerto si è tenuto 21 novembre e per chi non ha potuto assistere al concerto e godere la bravura e il tocco deciso delle sue dita che nello stesso tempo erano lievi come l’aria (proprio come l’Aria, il pezzo di Scarlatti che lei aveva scelto per il bis), vorremo ricordare brevemente gli studi di Maja Matijanec per capire il percorso che l’ha fatta diventare ciò che è oggi, una bravissima pianista.

Maja si è diplomata a Zagabria, poi ha continuato a studiare il pianoforte nella classe del Maestro russo prof. Sijavush Gadjiev. Nel 2002 si è trasferita a Milano per proseguire gli studi di pianoforte presso il Conservatorio Giuseppe Verdi nella classe del Maestro Vincenzo Balzani. Si è diplomata con il massimo dei voti nel 2004 e si è laureata nel 2008. E’ per questa ragione la sala era gremita anche di molti suoi ex colleghi del Conservatorio.
Nel 2005 ha intrapreso lo studio con il rinomato pianista russo Oleg Marshev, con il quale continua il suo percorso di perfezionamento presso l’“A. Bruckner Privatuniversitaet” di Linz, in Austria, dove si è trasferita nel 2011 e dove si è laureata per una seconda volta nel 2013. Nel frattempo ha ricevuto numerosi premi nei concorsi nazionali ed internazionali (il primo premio al concorso “Nicolai Rubinstein” a Parigi nel 1998, il primo premio al concorso “Città di Arenzano” nel 1999, il primo premio al concorso statale dei giovani pianisti a Zagabria, il primo premio al concorso “Città Piove di Sacco” nel 2010). Ha tenuto numerosi concerti in Croazia, Slovenia, Italia, Spagna e Austria. Da agosto 2013 Maja ha scelto di vivere a Berlino dove continua il suo percorso come pianista ed insegnante. Ma come ci ha confidato torna spesso a Milano che considera un po’ la sua casa.

Nel concerto a Milano ha suonato Scarlatti, Bach e Schumann, ma ci ha rallegrato tutti soprattutto con una bellissima esecuzione del Notturno di Ferdo Livadić, un compositore croato poco conosciuto in Italia, tanto che alle prime note tutti pensavano fosse Chopin, però Livadić lo aveva scritto già nel 1822, dunque molto prima di Chopin che all'epoca poteva avere circa undici-dodici anni.

Maja Matijanec još jednom u Milanu

Sjećate li se manifestacije Piano City koja se održala ovog travnja u Milanu?
Tom prigodom (17 svibnja 2014) mogli smo čuti i mladu hrvatsku pijanisticu Maju Matijanec u dragocjenom House Concertu gdje je svirala Bacha, Busonija, Scarlattija i Schumanna.

Hrvatska Zajednica Milano pozvala ju je da održi koncert u Milanu u Udruzi Amici del Loggione del Teatro alla Scala s kojom Hrvtaska Zajednica surađuje već duže vremena. Ovom prilikom nanovo se zahvaljujemo Udruzi Amici del Loggione na njihovom ljubaznom gostoprimstvu.

Koncert se održao 21 studenog, pa za one koji nisu uspjeli prisustvovati događaju i uživati u vještini i snazi udara njenih prstiju, ali isto tako nježnih kao zrak, baš kao i Scarlattiejev Zrak (Aria) kojeg je izabrala kao bis, potsjetit ćemo ih ukratko na studije Maje Matijanec kako bi shvatili put koji ju je doveo do onog što je danas, sjajna pijanistica.

Maja je diplomirala u Zagrebu i nastavila je studirati glasovir u klasi ruskog maestra, profesora http://www.comprarviagraes24.com/ Sijavush Gadajieva. 2002 se preselila u Milano gje je nastavila studij glasovira na Konzervatoriju Giuseppe Verdi u klasi maestra Vincenza Balzanija. Diplomirala je s najboljim ocijenama 2004, a diplomirala je 2008. Nije potrebno napomenuti da je u već u punoj sali bilo i mnoštvo njenih kolega s Konzervatorija. 2005 nastavlja studij s poznatim ruskim pijanistom Olegom Marshevom i s njim nastavlja usavršavanje u Linzu na “A. Bruckner Privatuniversitaet”. Tu se i preselila 2011 gdje je po drugi put diplomirala 2013. U međuvremenu je dobila niz nagrada na domaćim i međunarodnim natječajima (prvu nagradu na natječaju “Nicolai Rubinstein” 1998 u Parizu, prvu nagradu na natječaju “Città
di Arenzano” 1999, prvu nagredu na državnom natječaju za mlade pijaniste u Zagrebu, prvu nagradu “Città Piove di Sacco” 2010). Održala je mnoge koncerte u Hrvatskoj, Italiji, Sloveniji, Španjolskoj i Austriji. U kolovozu 2013 Maja se preselila u Berlin gdje nastavlja svoj put kao pianistica i profesor glasovira. Međutim povjerila nam je da često navraća u Milano jer se osjeća kući.

Na milanskom koncertu Maja Matijanec svirala je Scarlattija, Bacha i Schumanna, ali nas je svih razveselila prekrasnom izvedbom Nocturna Ferda Livadića, hrvatskog kompozitora skoro nepoznatog u Italiji, tako da su kod prvih zvukova svi promislili da se radi o Chopinu, međutim Livadić je Nocturno napisao već 1822, dakle mnogo ranije od Chopina koji je onda mogao imati oko jednaest-dvanaest godina.

Data: 
3 dicembre 2014
Fonte: 
comunità croata di milano