Incontro con Marko Kravos

martedì 22 ottobre 2013, ore 18,00
Libreria Claudiana, via F. Sforza 12/a, Milano

Incontro con Marko Kravos e il suo nuovo libro bilingue di poesie SALE SULLA LINGUA / SOL NA JEZIK
(Edit. ZTT EST, Trieste) alla Libreria Claudiana, via F. Sforza 12/a, martedì 22 ottobre 2013, ore 18,00.
Converserà con l’autore la saggista e traduttrice Marina Lipovac Gatti.

Marko Kravos (1943) poeta sloveno triestino. Laureato in slavistica ha svolto per 23 anni attività editoriale, poi per qualche anno ha tenuto la cattedra di lingua e letteratura slovena all’Università di Trieste. E’ membro dell’Unione degli scrittori sloveni di Lubiana e del PEN internazionale: negli anni 1996-2000 è stato presidente del Centro PEN Sloveno. Delle sue poesie sono uscite 24 raccolte nell’originale sloveno e/o tradotte in altre lingue. Pubblica anche
saggistica, radiodrammi e prosa per l’infanzia, apparsa finora in quindici edizioni librarie.
Traduce in sloveno dall’italiano, croato, spagnolo e lingue dialettali. Le sue opere sono state tradotte in 22 lingue.
Vincitore del premio nazionale sloveno della Fondazione Prešeren, del premio nazionale Astrolabio d’oro per la poesia, del premio Calabria, del premio Scritture di Frontiera a Trieste.
La nuova raccolta di poesie bilingue Sale sulla lingua/ Sol na jezik è anche una occasione speciale per festeggiare i settant’anni di uno dei maggiori autori triestini e poeti sloveni contemporanei.

Nella postfazione al libro tradotto dallo sloveno da Darja Bertocchi, Roberto Dedenaro e lo stesso Marko Kravos, arricchito da riproduzioni inedite delle grafiche di August Černigoj (1898-1986) noto pittore d’avanguardia triestino, che fu amico di Srečko Kosovel, lo scrittore Juan Antonio Prenz ha scritto”….. la sua è una poesia genuina, che evita la retorica e gli aggettivi superflui, che nasce da impulsi semplici, originari, ma che dietro a questa apparente semplicità, si nasconde tutta una serie di tratti, come l’ironia sottile, la parola con tutto il suo contesto etimologico – una sorta di ritorno alle origini – un accentuato uso delle sfumature.”

Fonte: 
comunità croata di milano
www.sloveniamilano.eu