LA CENA DI EMMAUS E L’ENTRATA DELLA CROAZIA NELL’UE

la cena di emmaus, caravaggio
La Cena di Emmaus

La Cena di Emmaus è la tela più importante esposta finora in Croazia. Ed è bello leggere i titoli di saluto “Benvenuta in Europa” con i quali i giornali e le fondazioni importanti come il FAI (Fondo Ambiente Italiano) hanno commentato il prestito del quadro di Caravaggio Cena di Emmaus della Pinacoteca milanese Brera al MUO (Museo dell’arte e dell’artigianato) di Zagabria.

I musei prestano di rado e poco volentieri i loro capolavori per il grande rischio che ciò comporta e per questo siamo maggiormente grati all’Italia per un tale benvenuto offerto in occasione dell’adesione croata all’Unione Europea, come anche alle parole dell’ambasciatrice italiana a Zagabria, Emanuela D’Alessandro: “Cena di Emmaus rappresenta il valore che l’Italia dimostra per un partner così importante come la Croazia e nello stesso tempo l’affetto e l’interesse degli italiani per un Paese con un’antica tradizione culturale e con magnifiche bellezze naturali … e celebra quella centralità della persona tipica del mondo occidentale del quale l’Unione europea, e dunque la Croazia, è parte fondamentale …”.

Ricordiamoci che l’unicità dell’Europa sta proprio nella varietà e moltitudine dei suoi popoli e delle sue lingue, perciò la storia e il valore di un piccolo paese come il nostro rappresenteranno in uguale misura un dono alla famiglia europea.
La Croazia è stata da sempre, grazie anche alla sua posizione geografica, parte di Europa ed ha respirato e contribuito al suo sviluppo. Ed è questa la ragione che alcuni suoi pittori, scultori, letterati, scienziati come Marko Marulić, Giulio Clovio, Giorgio il Dalmata, Ivan Meštrović, Ruggero Bošković sono di importanza europea e non solo locale.

In un certo senso questo si riferisce anche alla Cena di Emmaus di Caravaggio che sta per arrivare a Zagabria.
Questo grande pittore ha segnato con questo quadro la storia dell’arte ed ora segna anche l’entrata del nostro paese in Europa. Ricordiamoci che Caravaggio ha dipinto due Cene di Emmaus, la prima è datata nel 1601 ed è a Londra, mentre l’altra, quella di Brera, è del 1606. Entrambe rappresentano lo stesso episodio del Vangelo di Luca secondo il quale i due discepoli di Cristo lo incontrano dopo la sua morte.
La scena è molto simile in entrambe le tele: una squallida osteria romana, probabilmente come quelle che Caravaggio frequentava. Però, mentre la tela di Londra ha colori molto più chiari (Cristo appare più giovane, i discepoli non lo avevano ancora riconosciuto essendo il pane intatto ), il quadro di Brera, invece, indica un grande cambiamento nella vita di Caravaggio. Probabilmente è stata dipinta nei feudi del suo protettore che era membro della potentissima famiglia Colonna dopo essere fuggito da Roma per l’assassinio di Ranuccio Tommasini. Qui il pane è già spezzato, è chiaro che i discepoli avevano già riconosciuto il Cristo, i colori sono più scuri per meglio segnare la progressiva drammatizzazione della luce: la drammaticità della situazione e la divino sovrannaturale di Cristo. Il volto di Cristo rispecchia il dolore, probabilmente lo stesso che sentiva Caravaggio a causa dello spargimento di sangue.

Il quadro sarà esposto nel Museo delle arti e dell’artigianato (MUO) di Zagabria dal 5 giugno al 22 agosto 2013.
Occorre dire che questa idea era già nata nel giugno scorso dalla volontà dell’ allora Ministro dei Beni e delle Attività Culturali, Lorenzo Ornaghi, della sua collega croata Andrea Zlatar Violić e, naturalmente dell’ambasciatrice italiana a Zagabria Emanuela D’Alessandro.
Bisogna aggiungere, come ha detto il direttore del MUO Miroslav Gašparović, che Italia ha coperto tutti i costi della mostra, come l’assicurazione e il trasporto, come pure i costi dei cataloghi bilingue (italiano e croato) del noto editore Skira con saggi di molti eminenti storici dell’arte italiani.

Mariliana Župevc

VEČERA U EMAUSU I HRVATSKI ULAZAK U EU

Večera u Emausu je do sada najznačajnije djelo ikad izloženo u Hrvatskoj. I lijepo je bilo čitati pozdravne naslove “Dobrodošla u Europu” s kojim su ugledne novine i fondacije kao FAO (Fondo Ambiente Italiano) komentirale posudbu milanske Pinakoteke Brera Caravaggiove Večere u Emausu zagrebačkom Muzeju za umjetnost i obrt.

Muzeji rijetko i vrlo nerado posuđuju svoja remek-djela zbog velikih rizika i zato smo zahvalni Italiji na ovom znaku dobrodošlice hrvatskom priključenju Europskoj Zajednici, kao i na riječima talijanske Veleposlanice Emanuele D’Alessandro:” Večera u Emausu predstavlja važnost koju Italija daje tako značajnom partneru kao što je Hrvatska, a istovremeno i naklonost i interes Talijana za jednu Zemlju s drevnom kulturnom tradicijom i s toliko prirodnih ljepota … te slavi okosnicu oko osobe tipičnu za zapadni kulturu čiji je dio Europska Unija, a dakle i Hrvatska, bitni dio.
Podsjetimo se da posebnost Europe leži u raznolikosti i mnoštvu njenih naroda i jezika, pa je tako povijest i značaj jedne male zemlje kao što je naša ravnopravni doprinos europskoj porodici. Hrvatska je, zahvaljujući i svom geografskom položaju, oduvijek bila dio Europe i te udisala i pridonosila njenom razvitku. I zbog toga su njeni slikari, kipari, književnici, naučnici kao što su Marko Marulić, Julije Klović, Juraj Dalmatinac, Ivan Meštrović, Ruđer Bošković dio Europskog a ne samo lokalnog značaja.

Na neki način ovo vrijedi i za Caravaggiovu Večeru u Emausu koja dolazi u Zagreb. Ovom slikom ovaj veliki slikar obilježio je povijest umjetnosti, ali ujedno i ulazak naše zemlje u Europu. Podsjetimo se da je Caravaggio naslikao dvije Večere u Emausu, prva je datirana 1601 i nalazi se u Londonu, a druga, upravo ova iz Brere, oko 1606. Obje Večere predstavljaju epizodu iz Evanđelja po Luci u kojem dva Kristova sljedbenika susreću Krista poslije njegove smrt i scena je slična, siromašna rimska gostiona, onakve kakve je sigurno sam Caravaggio pohodio. Međutim na slici iz Londona boje su svijetlije, učenici još nisu prepoznali Krista (kruh je netaknut), njegovo lice je mlado. Slika iz Brere bilježi preokret u Caravaggiovom životu. Vjerovatno je nastala na feudima njegovog zaštitnika koji je pripadao moćnoj obiteljiColonne nakog što je Caravaggio morao pobjeći iz Rima zbog ubojstva Ranuccia Tommasinija. Ovdje je kruh već prelomljen, očito je da su učenici već prepoznali Krista, boje su tamne da bi bolje označile progresivnu dramatizaciju svjetla: dramatičnost situacije i Kristovu božansku nadnaravnost. Na Kristovom licu se očitava bol, bol koju vjerovatno i sam Caravaggio osjeća zbog počinjenog krvoprolića.

Slika će biti izložena u Muzeju za umjetnost i obrt u Zagrebu od 5.6. do 22. 8. 2013.
Napominjemo da se ova ideja rodila još u lipnju prošle godine kao želja ondašnjeg ministra kulture Lorenza Ornaghija, njegove hrvatske kolegice Andree Zlatar Violić i naravno talijanske veleposlanice u Hrvatskoj Emanuele D’Alessandro. Treba napomenuti, kako je rekao ravnatelj Muzeja Miroslav Gašparović, da Italija pokriva i sve troškove oko izložbe, kao i osiguranje i prevoz, pa čak i troškove kataloga (poznati izdvač Skira) na hrvatsko-talijanskom izdanju s prilozima mnogih eminetnih talijanskih povjesničara umjetnosti.

Mariliana Župevc

Data: 
5 giugno 2013
Fonte: 
comunità croata di milano
mariliana zupevc